Questo sito web utilizza i cookie per Google Analytics.

A causa della legge sulla privacy non è possibile utilizzare questo sito Web senza accettare l'uso di questi cookie.

Visualizza l'informativa sulla privacy

Accettando acconsenti ai cookie di tracciamento di Google Analytics. Puoi annullare questo consenso cancellando i cookie nel tuo browser.

La narrativa ' antiscienza '

Una dichiarazione di "guerra alla scienza" (eresia)

La dichiarazione di persone come anti-scienza è una dichiarazione di eresia e fornisce una base per la persecuzione.

L'establishment scientifico internazionale ha chiesto nel 2021 che l'anti-scienza sia combattuta come una minaccia alla sicurezza alla pari del terrorismo e della proliferazione nucleare.

(2021) Il movimento antiscienza sta crescendo, sta diventando globale e uccidendo migliaia di persone L'antiscienza è emersa come una forza dominante e altamente letale, che minaccia la sicurezza globale, tanto quanto il terrorismo e la proliferazione nucleare. Dobbiamo organizzare una controffensiva e costruire nuove infrastrutture per combattere l'antiscienza , proprio come abbiamo fatto per queste altre minacce più ampiamente riconosciute e consolidate.

L'antiscienza è ora una grande e formidabile minaccia alla sicurezza.
Fonte: Scientific American

L'anti-scienza è usata per caratterizzare gli oppositori degli OGM come " impegnati in una guerra alla scienza " per giustificare contromisure in nome della guerra.

Il filosofo accademico Justin B. Biddle , che ha osservato lo sviluppo della narrativa "anti-scienza" e "guerra alla scienza", ha scritto un articolo a riguardo nel 2018.

(2018) "Fanismo anti-scienza"? Valori, rischio epistemico e dibattito sugli OGM La narrativa "anti-scienza" o "guerra alla scienza" è diventata popolare tra i giornalisti scientifici. Sebbene non vi sia dubbio che alcuni oppositori degli OGM siano prevenuti o ignorano i fatti rilevanti, la tendenza generale a caratterizzare i critici come anti-scienza o impegnati in una guerra alla scienza è sia fuorviante che pericolosa. Fonte: PhilPapers (Backup PDF) | Filosofo Justin B. Biddle (Georgia Institute of Technology)

La seguente pubblicazione di Alliance for Science mostra la natura della propaganda della "guerra alla scienza". Gli attivisti anti-OGM vengono affiancati a 🇷🇺 troll russi e vengono denunciati per “ aver seminato dubbi sulla scienza ”.

(2018) L'attivismo anti-OGM semina dubbi sulla scienza I troll russi, aiutati da gruppi anti-OGM come il Center for Food Safety and Organic Consumers Association, hanno avuto un sorprendente successo nel seminare dubbi sulla scienza nella popolazione generale. Fonte: Alleanza per la scienza

La scienza è filosofia e la filosofia è discutibile. La convinzione dogmatica che la scienza possa essere valida senza la filosofia è un errore.

Raffigurati come luddisti anti-scientifici

Nel 2013 il popolo filippino ha distrutto un campo di prova del Golden Rice OGM che il governo aveva segretamente effettuato alle loro spalle. I media globali e l'establishment scientifico hanno descritto gli attivisti filippini anti-OGM come " luddisti anti-scientifici " e li hanno accusati di aver causato la morte di migliaia di bambini.

Ferma il riso dorato! Rete (SGRN)

(2023) 🇵🇭 Oppositori filippini del Golden Rice OGM raffigurati e ignorati come "luddisti anti-scientifici" Fonte: /philippines/

L'etichettatura delle persone come "anti-scienza" ha origine da una credenza dogmatica nell'uniformitarismo.

Non è giustificato dipingere e ignorare le persone nelle Filippine come "luddisti anti-scientifici" e incolparli per aver ucciso bambini è un'atrocità.


Perché i critici degli OGM sono caratterizzati come anti-scienza ?

L'incapacità di cogliere l'esperienza significativa (esperienza cosciente) nell'ambito del valore empirico (fondamento dell'evidenza scientifica) causa incompatibilità con ciò che la scienza ritiene valido.

Il problema è affrontato nella teoria filosofica degli zombie .

(2022) Lo zombi del filosofo: cosa può dire l'argomento zombi sulla coscienza umana? Il famigerato esperimento mentale, per quanto imperfetto, dimostra una cosa: la scienza non può spiegare la coscienza . Fonte: aeon.co

Quando si tratta di moralità, si tratta di aspetti legati all'esperienza significativa .

Nella scienza l'incapacità di definire il senso della vita è sfociata in un ideale di abolizione della moralità.

GM: science out of control 110 (2018) Progressi immorali: la scienza è fuori controllo? Per molti scienziati, le obiezioni morali al loro lavoro non sono valide: la scienza, per definizione, è moralmente neutra, quindi qualsiasi giudizio morale su di essa riflette semplicemente l'analfabetismo scientifico. Fonte: New Scientist (2019) Scienza e morale: si può dedurre la moralità dai fatti della scienza? La questione avrebbe dovuto essere risolta dal filosofo David Hume nel 1740: i fatti della scienza non forniscono basi per i valori . Eppure, come una specie di meme ricorrente, l'idea che la scienza sia onnipotente e che prima o poi risolverà il problema dei valori sembra risorgere con ogni generazione. Fonte: Duke University: New Behaviorism

La moralità si basa sui "valori" e questo logicamente significa che la scienza vuole anche sbarazzarsi della filosofia.

Il filosofo Friedrich Nietzsche (1844-1900) in Al di là del bene e del male (Capitolo 6 – Noi studiosi) ha condiviso la seguente prospettiva sull'evoluzione della scienza in relazione alla filosofia.

Friedrich NietzscheLa dichiarazione d’indipendenza dell’uomo di scienza, la sua emancipazione dalla filosofia è una delle più sottili ripercussioni dell’ordine e del disordine democratico: l’autoglorificarsi e l’insuperbirsi del dotto sono oggi ovunque in pieno rigoglio e nella loro miglior primavera – con la qual cosa non può ancora dirsi che in questo caso tale lode di se stesso abbia un profumo gradevole. «Via tutti i signori!» – così vuole l’istinto della plebaglia; e dopo essersi difesa con esito fortunatissimo dalla teologia, di cui è stata troppo a lungo l’«ancella», la scienza ora, nella sua assoluta tracotanza e sconsideratezza, tende a dettar legge alla filosofia e a fare anche lei, una buona volta, da «padrona» – ma che dico! – a FILOSOFEGGIARE.

Mostra il percorso che la scienza ha intrapreso fin dal 1850. La scienza ha inteso liberarsi della filosofia.

Le prospettive sulla filosofia degli scienziati in un forum dell'Università di Cambridge, nel Regno Unito, forniscono un esempio: 

La filosofia è una sciocchezza.

[Mostra più citazioni]

Puoi descrivere la filosofia come una ricerca della conoscenza e della verità. Questa è davvero vanità. La scienza riguarda l'acquisizione della conoscenza e la maggior parte degli scienziati evita l'uso della "verità", preferendo la "ripetibilità" in quanto più in linea con la nostra necessaria umiltà di fronte all'osservazione.

I filosofi pretendono sempre che il loro lavoro sia importante e fondamentale. Non è nemmeno coerente. Non puoi costruire la scienza su fondamenta traballanti, mutevoli e arbitrarie. È discutibile che il giudeo-cristianesimo abbia catalizzato lo sviluppo della scienza insistendo sul fatto che esiste un piano razionale per l'universo, ma abbiamo lasciato quell'idea molto tempo fa perché non ci sono prove a sostegno.

La filosofia non ha mai fornito una soluzione. Ma ha ostacolato il cammino della scienza e la crescita della comprensione.

La filosofia è una disciplina retrospettiva, che cerca di estrarre qualcosa che i filosofi considerano importante da ciò che gli scienziati hanno fatto (non ciò che pensano gli scienziati: la scrittura scientifica è solitamente intellettualmente disonesta!). La scienza è un processo, non una filosofia. Anche la linguistica più semplice lo conferma: noi “facciamo” scienza, nessuno “fa” filosofia.

La scienza non è né più né meno che l'applicazione del processo di osservare, ipotizzare, verificare, ripetere. Non c'è indicazione di credenza, filosofia o validità, non più di quanto non ce ne sia nelle regole del cricket o nelle istruzioni su una bottiglia di shampoo: è ciò che distingue il cricket dal calcio, e come ci laviamo i capelli. Il valore della scienza sta nella sua utilità. La filosofia è un'altra cosa.

I filosofi hanno infatti determinato il miglior percorso da seguire per l'umanità. Ogni religione, comunismo, capitalismo del libero mercato, nazismo, anzi ogni ismo sotto il sole, tutti avevano le loro radici nella filosofia e hanno portato a conflitti e sofferenze eterne. Un filosofo può guadagnarsi da vivere solo in disaccordo con tutti gli altri, quindi cosa ti aspetti?

Come si può vedere, dal punto di vista della scienza, la filosofia, che include la moralità, dovrebbe essere abolita affinché la scienza possa prosperare.

Quando la scienza si esercita in autonomia e si propone di liberarsi da ogni influsso della filosofia, la 'conoscenza' di un fatto scientifico implica necessariamente certezza. Senza certezza, la filosofia sarebbe essenziale, e questo sarebbe ovvio per qualsiasi scienziato, ma non lo è.

Significa che è implicata una credenza dogmatica (una credenza nell'uniformitarismo ) che legittima l'applicazione autonoma della scienza senza pensare se sia effettivamente 'buono' ciò che viene fatto (cioè senza moralità).

Attaccare i critici degli OGM come eretici della scienza

L'impulso emotivo di attaccare le persone che non condividono una fede dogmatica nei fatti della scienza potrebbe provenire da un sentimento di vulnerabilità per lo sfruttamento religioso della debolezza che deriva dall'incapacità di rispondere alla domanda " Perché " della vita (" Qual è il senso della vita? ”).

La religione dell'ateismo è una via d'uscita per le persone che potenzialmente (sarebbero inclini a) cercare la guida che le religioni promettono di fornire. Ribellandosi alle religioni, (sperano di) trovare stabilità nella vita.

Atheism campaigndios no existe

Oltre all'ideale della scienza per abolire la moralità e al potenziale motivo emotivo degli atei, l'industria degli OGM (compresa l'industria farmaceutica) ha un interesse multimiliardario.


La scienza come principio guida per la vita?

woman moral compass 170Mentre la ripetibilità della scienza fornisce ciò che può essere considerato certezza nell'ambito di una prospettiva umana il cui valore può essere reso evidente dal successo della scienza, la questione sarebbe se l'idea che i fatti della scienza siano validi senza la filosofia sia accurata su un livello fondamentale.

Mentre dal punto di vista del valore utilitaristico si potrebbe sostenere che un "fattore di certezza" non è in discussione, quando si tratta dell'uso dell'idea come principio guida, come nel caso dell'eugenetica sulla natura, diventerebbe importante .

L'utilità di un modello del mondo è solo valore utilitaristico e non può logicamente essere una base per un principio guida poiché un principio guida riguarderebbe ciò che è essenziale affinché il valore sia possibile ( a priori o “prima del valore”).

(2022) L'universo non è localmente reale - Premio Nobel per la fisica 2022 Fonte: onlinephilosophyclub.com

    Invia a eReader o scarica PDF

    Utilizza la funzione di sincronizzazione del tuo eReader per copiare un eBook scaricato sul tuo dispositivo. Per Amazon Kindle, visita amazon.com/sendtokindle.